Fedeli alla legge di Mosè, Maria e Giuseppe portarono il piccolo Gesù, Parola del Padre fatta carne, al tempio, per essere purificati e portarono con sè l’offerta dei poveri: “offrire in sacrificio una coppia di tortore o giovani colombe come prescrive la legge del Signore”. L’evangelista Luca ci presenta poi due profeti che “mossi dallo Spirito” si recano al tempio per accogliere Gesù: Il vecchio Simeone “uomo giusto e pio, che aspettava la consolazione d’Israele” e la profetessa Anna, vedova di 84 anni. Nel vedere Gesù essi traboccarono di gioia, tanto che prendendolo tra le braccia l’anziano Simeone esclama: “Ora puoi lasciare, o Signore, che il tuo servo vada in pace secondo la tua Parola, perché i miei occhi hanno visto la tua salvezza, preparata per te davanti a tutti i popoli; luce per rivelarti alle genti e gloria del tuo popolo, Israele!”. Questo passo di Vangelo è rappresentativo della FESTA DELLA CANDELORA, che si celebra il 2 Febbraio, e prende il suo nome dalle candele che vengono benedette e donate a tutte le famiglie, affinché la luce di Cristo possa illuminare il nostro cammino, possa essere la certezza nelle incertezze del quotidiano.  Non dimentichiamo ciò che Gesù ci dice “IO SONO LA LUCE DEL MONDO; CHI MI SEGUE NON CAMMINERA’ NELLE TENEBRE; MA AVRA’ LA LUCE DELLA VITA”( Gv,8,12).

 

MODULO 1 (terza elementare)

CANDELORA (stampa e colora)

 

MODULO 2 (quarta elementare)

Festa della Candelora (stampa e realizza la candela)